Biodiversità, Agricoltori, Territorio
La terra è fonte di nutrimento e di vita, per questo dobbiamo esserne custodi.

La storia della Famiglia Ranieri è legata alle tradizioni agricole dell’Alta Tuscia Viterbese, territorio incastonato tra il Lago di Bolsena e l’Umbria.

Agricoltori dal 1948, solcano con l’aratro la scura terra vulcanica delle campagne intorno al borgo di Grotte di Castro. Oggi la quarta generazione si è specializzata nella coltivazione e nella commercializzazione di antiche varietà di legumi, cereali e tuberi, custoditi dal lavoro secolare degli agricoltori.

Roberta e Giuseppe, insieme al figlio Davide, portano avanti una realtà aziendale che garantisce qualità e sostenibilità in ogni fase della filiera. Custodire la biodiversità, mantenere vive le tradizioni, sostenere il lavoro degli agricoltori sono i pilastri della missione che la Famiglia Ranieri condivide con una rete di 45 realtà agricole del territorio, con le quali ha instaurato legami solidi e duraturi.

L’alto rispetto del valore gastronomico e culturale dei prodotti agricoli ha portato l’azienda a seguire tecniche di coltivazione e lavorazione tradizionali, come la raccolta e la selezione a mano. A queste si intreccia l’innovazione della moderna linea di stoccaggio e confezionamento, grazie alla quale garantisce sia la corretta conservazione dei propri prodotti senza l’impiego di sostanze chimiche, sia la risposta dinamica e flessibile alle richieste diversificate dei clienti

Con ogni nuovo raccolto custodiamo la biodiversità delle antiche varietà di legumi, cereali e tuberi, tramandata dal lavoro secolare degli agricoltori.
I nostri primi alleati, pilastri dell’economia locale, con cui condividiamo la missione di mantenere viva la tradizione legata alla coltivazione delle antiche varietà.
L’Alta Tuscia, tra il Lago di Bolsena e l’Umbria, è un susseguirsi di colline di fertile terreno vulcanico, ideale per la coltivazione di legumi, cereali e tuberi.
Biodiversità e varietà antiche
La scelta di coltivare antiche varietà di legumi, cereali e tuberi conferma l’impegno della Famiglia Ranieri nella tutela della biodiversità, fattore fondamentale per preservare l’equilibrio naturale dell’ecosistema e promuovere il valore culturale della tradizione agricola. Queste particolari tipologie, coltivate nel suolo vulcanico dell’Alta Tuscia, richiedono un minor impiego di acqua e preservano la naturale fertilità del suolo. Non permettendo un’elevata meccanizzazione, sono ancora raccolti e selezionati a mano, come previsto dai metodi tradizionali.
Agricoltori, custodi del “saper fare”
Nell’Alta Tuscia Viterbese la Famiglia Ranieri coltiva circa 1.500 ettari, divisi tra l’azienda agricola di proprietà e quelle dei 45 agricoltori locali, custodi del “saper fare” tradizionale, con i quali condivide un disciplinare di produzione, che promuovere un’agricoltura sostenibile e integrata. L’azienda garantisce la giusta retribuzione agli agricoltori con contratti di conferimento concordati e prezzi di vendita equi. Questa politica, negli anni, ha permesso il recupero di campi abbandonati, ampliando la produzione agricola di qualità sul territorio.
L’Alta Tuscia Viterbese
Incastonata tra il Lago di Bolsena e i confini di Umbria e Toscana, l’Alta Tuscia Viterbese è disegnata da dolci colline, dove si alternano affascinanti borghi medievali, ricchi di storia e tradizioni gastronomiche. La scura terra vulcanica, fertile e ricca di minerali, ha rappresentato per secoli la risorsa essenziale per la coltivazione delle numerose varietà antiche di legumi, cereali e patate, permettendo lo sviluppo delle tradizioni gastronomiche, che oggi caratterizzano la cultura popolare dei borghi intorno a Grotte di Castro.
La sostenibilità non è un atto, ma un’abitudine
La Famiglia Ranieri porta avanti una filiera ispirata alla cultura contadina autentica, che tutela e rispetta l’equilibrio dell’ambiente naturale, su cui si realizza. All’interno dell’impegno per la sostenibilità rientrano:

La disponibilità di quattro linee di confezionamento, che permettono di confezionare i prodotti al momento dell’ordine, garantendo, così, la massima freschezza del prodotto e riducendo gli sprechi.

L’adozione di metodi tradizionali, come la selezione a mano dei legumi e la raccolta manuale delle patate, che riducono l’impiego di mezzi meccanici, limitando lo sfruttamento del terreno e le emissioni nell’ambiente.

Contribuiamo a sostenere organizzazioni no profit presenti sul nostro territorio Nazionale.

La scelta di privilegiare la semina di varietà antiche, che necessitano di un minor apporto di acqua, preservano la naturale fertilità del suolo vulcanico, salvaguardano la naturale biodiversità agricola del territorio.

La creazione di una filiera corta permette di far comprendere i costi reali dell’agricoltura e della produzione del cibo. Inoltre, viene riconosciuto un prezzo equo fra i produttori e i consumatori, permettendo ai primi di ricevere la giusta retribuzione per il loro lavoro. I nostri agricoltori sono i protagonisti dei nostri prodotti. Lavoriamo insieme, in stretta collaborazione, giorno dopo giorno, per salvaguardare, tramandare e proseguire l’importante tradizione agricola del nostro Paese. La nostra Azienda unisce centinaia di aziende agricole e conferenti.

TRASPARENZA

Remuneriamo un giusto e corretto prezzo a ciascun nostro collaboratore, incentivando una produzione sana ed ecologica, oltre che di qualità.

QUALITA'

Individuiamo esclusivamente terreni in cui i nostri prodotti possano crescere naturalmente. Riproponiamo la coltivazione di campi abbandonati per proteggere la biodiversità del territorio.

CONTROLLO

Prestiamo attenzione a quanto accade nei nostri terreni, interfacciandoci direttamente con ogni singolo produttore.

L’Azienda Agricola Perle della Tuscia ha una storia lunga di quasi un secolo e occupiamo una superficie di oltre 200 ettari grazie al prezioso sostegno dei nostri collaboratori agricoli. L’onestà, la passione e la tecnica ci hanno portati a differenziare i metodi di coltivazione al fine di soddisfare la clientela che richiede un prodotto di qualità inconfutabile in termini organolettici e di sicurezza. Crediamo nel rispetto del territorio e nell’amore per i prodotti che ci regala, per questo continuiamo a lavorare per mantenere una filiera 100% italiana, da agricoltura sostenibile e naturale. La nostra Azienda Agricola continua la produzione familiare avviata nel 1948.

“Quando anni fa cominciammo a produrre le patate Lady Viola e Delizia Blu, portandole così sul mercato italiano, incontrammo moltissima reticenza e diffidenza nei confronti di queste varietà, soprattutto per il loro particolare aspetto. Mi chiesi come avrebbero reagito i consumatori italiani. Avrebbero accettato un tubero così tanto diverso? Fu una grande e importante scommessa per noi iniziare a promuoverle per primi in Italia sui social network, nelle botteghe di prossimità per poi inserire prima di tutti di altri le nostre Lady Viola e Delizia Blu all’interno di negozi specializzati. Con il tempo, la passione per queste speciali varietà di patate si è trasmessa anche ai consumatori, facendo interessare perfino la televisione, e questo contribuì a presentare le nostre varietà di patate nei servizi di “Geo & Geo” e “Sai Cosa Mangi?” 

Roberta Mazziantonio